Potresti essere connesso al nostro sito web proprio grazie alla connessione internet senza fili. La wifi permette di connettersi a internet ovunque grazie alla tecnologia su cui si basa: impulsi di energia trasmessi attraverso onde elettromagnetiche.
Gli impulsi vengono trasmessi attraverso il ruoter verso tutti gli apparecchi elettronici che hanno un sistema di ricezione delle trasmissioni wifi.

Dall’Ethernet all’internet senza fili

Prima che il Wi-Fi diventasse famoso, le persone usavano l’Ethernet per gestire connessioni di rete per connettersi a internet. L’Ethernet è una connessione cablata e utilizza impulsi elettrici per inviare le informazioni in linguaggio binario tra dispositivi connessi alla rete.
Genericamente le connessioni via Ethernet erano lente a causa della resistenza offerta agli elettroni nel filo. Con lo sviluppo e la commercializzazione del Wi-Fi si è via via sempre più persa l’abitudine di utilizzare fili. La connessione a internet senza fili ha riscontrato l’approvazione del mercato.Diventando molto presto uno standard mondiale per la connettività.

Il funzionamento dell’internet senza fili passo dopo passo

La connessione a internet senza fili utilizza fili o impulsi elettrici per ricevere e trasmettere la comunicazione di dati binari per comunicare con il dispositivo (normalmente un pc) che serve alla prima configurazione del router.
Dopo il primo avvio il router converte i dati binari elaborati dal modem (spesso incorporato allo stesso router) in una serie di impulsi elettromagnetici di onde “alte” e “basse”. Questi impulsi vengono ricevuti e decodificati da smartphone e computer (o qualunque altro dispositivo dotato di ricevitore wireless).

E adesso?

Per semplificare il funzionamento della connesione a internet senza fili processo possiamo immaginare il Router Wi-Fi come un’antenna che vibra. Questa antenna vibra ad una certa frequenza. La trasmissione dura per un certo periodo di tempo. L’obiettivo è trasmettere delle determinate informazioni “leggibili” dal dispositivo di destinazione (ad esempio il tuo computer).
Gli impulsi elettromagnetici ricevuti dal dispositivo istruiscono su cosa fare con ciascuno pixel sullo schermo. La frequenza di queste vibrazioni o gli impulsi elettromagnetici sono generalmente mantenuti a 2,4 gigahertz o 5 gigahertz da evitare interferenza con le onde elettromagnetiche da altri dispositivi come microonde o reti mobili.