Si sente sempre più spesso parlare di Smart Working ma ancora non è ben chiaro a tutti il significato di questo nuovo modo di lavorare che può permettere di lavorare al meglio.
Negli ultimi anni il 58% delle aziende medio-grandi ha introdotto delle iniziative concrete consentendo di fatto agli smart workers di staccarsi dalla concezione canonica di ufficio.
Anche nella Pubblica Amministrazione, di solito restia al cambiamento, si è iniziata a fare strada questa modalità di lavoro e alcuni dipendenti statali hanno iniziato a lavorare da casa.

Ma cos’è lo Smart Working?

Secondo la definizione dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano è “Una filosofia manageriale che si fonda sulla restituzione alle persone di flessibilità e autonomia nella scelta di spazi, orari e strumenti da utilizzare a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati”.

In pratica permette al dipendente di un’azienda di lavorare secondo le proprie modalità di tempi e spazi, lasciandogli la possibilità di decidere quando e dove lavorare purché mantenga dei risultati in linea con quanto accordato insieme all’azienda.

Ma vediamo ora qualche consiglio su come ottimizzare il lavoro da casa.

I consigli utili sullo Smart Working

No al Multitasking

Per anni ci è stato insegnato che essere multitasking è un valore aggiunto, può esserlo ma se si è in grado. Spiego meglio: non tutte le persone riescono a gestire più progetti contemporaneamente senza disperdere energie, meglio a quel punto focalizzarsi su un progetto alla volta.

Meno che mai il multitasking con la vita personale, sconsigliatissimo quindi l’alternare una e-mail di lavoro a lavare i piatti. Bisogna distinguere le due cose!

Connessione Internet veloce

Un aspetto fondamentale per lavorare da casa è essere attrezzati con una buona connessione internet, possibilmente con fibra. Ma non solo, è anche importante avere la giusta connessione per quello che vi serve! Se cercate la tariffa giusta potete guardare QUI le nostre tariffe migliori e trovare la soluzione perfetta per voi.

Una Scrivania ci vuole

La postazione di lavoro casalinga non deve avere nulla da invidiare a quella che avreste a lavoro e quindi bisogna ritagliarsi uno spazio dentro casa dove lavorare come se foste in ufficio.

Comprate una bella scrivania (se non l’avete già), attrezzatevi con il computer e la connessione internet per performare al meglio.

Orari fissi perché no?

Lavorare da casa non vuol dire per forza scappare dall’orario di ufficio anzi, spesso è più comodo darsi delle regole. Svegliarsi sempre alla stessa ora  e lavorare 4 ore al mattino e 4 al pomeriggio ad esempio è la soluzione più semplice ma anche la migliore sotto molti aspetti.

D’altronde lavorare da casa non vuol dire per forza sfuggire dalla routine degli orari ma significa guadagnare tempo dagli spostamenti verso il lavoro.

Se siete invece in grado di performare al meglio secondo i vostri orari allora perché cambiare?

No al 24h su 24h

Ripetiamo tutti insieme: il lavoro flessibile non significa lavorare 24 ore su 24.

A volte viene confuso dal datore di lavoro o dal cliente che chi lavora da casa è sempre disponibile, questo aspetto va chiarito subito perché altrimenti non troverete più distinzione tra il lavoro e la vita privata.

Gestire il tempo al meglio

Per darsi un metodo che funziona a volte è necessario stilare una lista delle cose da fare quotidianamente. Questo serve a disciplinare il lavoro e al tempo stesso a farci rendere conto a fine giornata del lavoro che effettivamente è stato fatto.

Se avete finito, avete finito!

Lo smart working nasce per ottimizzare le performance sul lavoro quindi non sentitevi in colpa se avete finito il vostro lavoro per tempo e ci avete impiegato solo 3 ore invece di 8.
Vorrà dire solo che state iniziando a concentrare al meglio le vostre forze e attenzioni per raggiungere il risultato in meno tempo possibile.

In finale c’è da dire che lo Smart Working è un ottimo metodo per alcune tipologie di persone che riescono a gestire se stessi e il proprio lavoro al meglio, sicuramente non è un metodo di lavoro per tutti.